.
Annunci online

 
Diario
 


*****

*****


25 ottobre 2011

Il mondo di Zeman

Quanto vale in termini di marketing territoriale la presenza di Zdenek Zeman sulla panchina dei biancazzurri? Da quando è arrivato in città, in una calda e festosa giornata d’estate, il nome di Pescara associato a quello del boemo è una costante sui media nazionali. Si sta verificando ciò che successe al tempo della prima Zemanlandia quando una città di provincia come Foggia, divenne, improvvisamente, famosa in tutta l’Italia grazie alle prodezze calcistiche e al mito che stava nascendo con una squadra piena, zeppa, di ragazzi sconosciuti.
Solo per fotografare l’ultimo weekend, la carta stampata e in particolare la Repubblica gli ha dedicato ieri un profilo e una pagina con una delle sue firme più autorevoli, mentre sempre ieri ma in prima serata la televisione gli ha reso un grande tributo con la presenza nel talk show più importante della rai condotto da Fabio Fazio, Che tempo che fa
E Pescara è presente anche nelle risposte, puntuali, pungenti e ironiche che riserva al conduttore.  «Ogni mattina vedo sul lungomare di Pescara centinaia di persone che corrono e nessuno li paga». Quasi uno spot, un invito a godere di questo privilegio, per una città che mostra nuovamente il suo volto vincente e alla quale il pubblico in studio, stimolato da Fazio che ricorda la nuova vittoria della squadra e il terzo posto raggiunto in classifica, tributa un lungo applauso.  
È uno Zeman in forma smagliante. Sempre misurato, soprattutto elegante che cattura l’attenzione fin dalle prime battute. «Le regole nel calcio ci sono, basta farle applicare» tanto per ricordare a tutti che l’esilio calcistico non l'ha cambiato. E ancora «Io ubbidisco e rispetto le regole». Fazio resta rapito dalla velocità di pensiero del boemo che pur affrontando argomenti seri riesce a rendere “leggera” l’intervista. Non mancano battute esilaranti e aneddoti che contribuiscono, televisivamente parlando, a ri-comporre e ri-costruire un personaggio mai banale e di cui, in molti, abbiamo sofferto l’assenza. E perciò ad affermazioni che strappano un largo sorriso anche al conduttore, «Non vado al cinema dal 1974 da quando nei locali chiusi non si può più fumare», si giustappongono pensieri nobili e concetti che riavvicinano al mondo dello sport e del calcio in particolare, «Non bisogna mai dimenticare che il calcio è un gioco». Anche quando Fazio gli chiede dei suoi rapporti con Casillo, il suo presidente a Foggia, Zeman risponde con il sorriso sulle labbra non rinunciando però a una stoccata che restituisce l’esatta dimensione dell’uomo e del professionista. «I primi anni che allenavo il Foggia, Casillo aveva sessanta aziende e il rapporto tra noi era bellissimo. Lui curava le aziende e io potevo fare calcio. Lo scorso anno invece non aveva più aziende e si occupava anche della squadra e il rapporto ne ha risentito». I tifosi del Pescara stiano tranquilli, il patron De Cecco ha tante aziende e non ha nessuna intenzione di venderle.


24 ottobre 2011

Zeman, il rivoluzionario

Allacciate le cinture di sicurezza: è rinata Zemanlandia. Stessa sponda, quella adriatica, un po’ più a nord. «Come l’araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa», aggiornando il detto di Metastasio si può dire che Zemanlandia è rinata, ancora una volta, e che vive e prospera a Pescara.
Se ne sono accorti i tifosi che sono ritornati numerosi allo stadio e sugli spalti cantano, ballano e si divertono sognando traguardi ambiziosi dopo molti anni di apatia.
Se ne sono accorti i dirigenti che devono, giustamente, frenare facili entusiasmi.
Se ne sono accorti i suoi colleghi, in particolare quelli che affronta tutte le settimane sui campi di serie B, che ne parlano quasi con deferenza.
Se n’è accorto il primo degli allenatori, Cesare Prandelli, che lo ha incoronato maestro in occasione della partita che la nazionale italiana ha disputato a Pescara contro l’Irlanda. «Chi vuole cominciare a fare questo mestiere, o chi vuole semplicemente perfezionarsi, non può prescindere dal conoscere il modulo proposto dal boemo. Se dovessi decidere di andare a vedere una partita di calcio e pagare il biglietto, non avrei dubbi e andrei a vedere una partita di Zeman», parole che non lasciano spazio a dubbie interpretazioni.
Se ne è accorto Fabio Fazio che lo ha voluto come ospite, questa sera e in prima serata rai, nel più noto talk show della televisione italiana, “Che tempo che fa” e che lancia l’intervista con queste parole: «Zdenek Zeman, nel mondo del calcio italiano è un allenatore ormai leggendario per il suo anticonformismo, la sua integrità e il suo coraggio; scopritore di talenti - da Totti a Nedved, da Vucinic a Beppe Signori - mescola un’etica d’altri tempi, fondata su fatica e disciplina, a una concezione del calcio come puro spettacolo e divertimento, per il pubblico e per i giocatori in campo; nel 1998, le sue dure accuse sul dilagare del doping fecero scoppiare lo scandalo che travolse la Juventus e tutta la Serie A; emarginato dal sistema calcistico italiano, nel 2010, però, è tornato ad allenare il Foggia in Serie C; attualmente guida, in Serie B, il Pescara, quarto in classifica». Anticonformismo, integrità e coraggio gli aggettivi utilizzati per descrivere Zdenek Zeman, il rivoluzionario. Nel frattempo, lui, il boemo, sorride e guarda avanti e lontano. Come sempre.
Il circo mediatico ha dunque nuovamente acceso i riflettori su di lui. La lunga traversata nel deserto sembra essere terminata. L’ostracismo perpetrato nei suoi confronti per le idee e i pensieri sul calcio contemporaneo da parte di squallidi personaggi che oggi frequentano solo aule di giustizia e non più i campi di calcio, forse, è terminato. È dovuto ripartire dalla Lega Pro, la vecchia serie C per i più romantici, e dopo un ottimo campionato in cui ha scovato, come spesso accade, giovani campioni, Lorenzo Insigne il talento più prezioso, è di nuovo nel calcio che conta. Non era facile ripartire dai semiprofessionisti per un allenatore considerato tra i più bravi del calcio italiano. Anche perché la sua lunga gavetta l’aveva fatta tutta. Nove anni alla guida delle giovanili del Palermo, dal 1974 al 1983. Tre anni al Licata dal 1983 al 1986 portando i siciliani dalla C2 alla C1. Poi la prima, fugace apparizione a Foggia nel 1986 e ancora il Parma e il ritorno in Sicilia alla guida del Messina di Totò Schillaci. Dal 1989 e fino al 1994 costruisce vittoria dopo vittoria, e gol dopo gol, il suo capolavoro, nasce Zemanlandia. Questo l’appellativo per la sua squadra attribuito dalla stampa nazionale. Conduce il Foggia dall’anonimato della serie B alla ribalta della serie A sfiorando la qualificazione in coppa Uefa con una squadra di giovani sconosciuti che diventeranno nel giro di pochi anni calciatori affermati e in qualche caso, giovani campioni. Giuseppe Signori, Ciccio Baiano, Roberto Rambaudi, Luigi Di Biagio, solo alcuni dei calciatori che con Zeman sono diventati importanti. Poi tre anni con la Lazio e due con la Roma. Gli anni in cui Signori vinceva per la classifica dei cannonieri di Serie A e Francesco Totti faceva il suo vero esordio in campionato. Poi in una calda e tranquilla giornata d’estate, era il 25 luglio del 1998, la sua squadra, la Roma, era in ritiro a Predazzo e stava svolgendo la preparazione per il nuovo campionato, il tecnico boemo rilascia un’intervista che scuote dalle fondamenta il “palazzo” del calcio italiano. Quella stessa estate, prima che Zeman esternasse le sue considerazioni sul calcio ci fu il più grande scandalo di doping della storia della corsa ciclistica più importante del mondo, il Tour de France. Nella macchina del responsabile della squadra Festina, Willy Voet, fu trovata una grande quantità di sostanze proibite e la squadra fu squalificata. Uno scandalo che portò all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale il ruolo del doping non solo nel ciclismo ma in tutto lo sport. In questo contesto s’inserisce l’intervista di Zeman che, unico tra tutti i professionisti del mondo del calcio, ha il coraggio di esplicitare una verità che era sotto gli occhi di tutti. «A mio parere, la grande popolarità che ha il calcio nel mondo non è dovuta alle farmacie o agli uffici finanziari, bensì al fatto che in ogni piazza in ogni angolo del mondo c’è un bambino che gioca e si diverte con un pallone tra i piedi. Ma il calcio, oggi, è sempre più un’industria e sempre meno un gioco». Questo il cuore delle sue dichiarazioni che gli procureranno, di fatto, l’esclusione dal calcio che conta. Sarà il suo ultimo anno alla Roma che terminerà il campionato al quarto posto con l’attacco più prolifico del campionato, sessantanove gol, dieci in più del Milan che vinse il campionato. Inizia così un lungo periodo, in cui le ombre prendono il posto della luce solare che aveva caratterizzato tutta la prima parte della sua carriera, che lo vede sulla panchina di Fenerbahçe, Napoli, Salernitana, Salernitana, Avellino, Lecce, Brescia, Lecce, Stella Rossa Belgrado. Non sembra esserci più posto per Zeman nel calcio italiano che conta, eppure gli allenatori che lavorano in serie A o in serie B non hanno vinto più di lui.
«Il tempo è galantuomo e rimette ogni cosa al suo posto» scriveva Voltaire e così è stato per l’allenatore venuta dall’Est che in più occasioni ha affermato di sentirsi più italiano di tanti allenatori italiani. Un anno di purgatorio nei semiprofessionisti e quest’anno, la prima vera, nuova, occasione in serie B con il Pescara del patron De Cecco. Non è cambiato. Stessa filosofia e stesso credo calcistico. Un manipolo di giovani calciatori da lanciare nel panorama calcistico nazionale, Insigne, Immobile, Capuano, Romagnoli, Brosco, Bacchetti, Verratti, e lo stesso, immutabile, desiderio di far divertire i tifosi. 
«Raramente mi capita di dire una bugia. Per questo mi sento solo. É un mondo, il nostro, in cui se ne dicono tante». Non è più così mister Zeman. Oggi lei è un po’ meno solo. Ha aiutato il calcio italiano a guardarsi allo specchio e ad affrontare i suoi problemi sia da un punto di vista calcistico sia da un punto di vista etico e per questo gli siamo riconoscenti e grati. Per sempre.
L’introduzione di Fabio Fazio è già superata, Zeman è sempre un passo in avanti a tutti, ha vinto di nuovo e il suo Pescara è terzo, non quarto.


1 luglio 2011

Fuga continua dalla Rai (così pare)



A leggere i giornali o a seguire le notizie che corrono veloci sulla rete sembra che tutti (e tutti sta per anchorman, giornalisti, nani e ballerine) stiano scappando dalla Rai. Come un ammutinamento. Prima Michele Santoro, poi Lucia Annunziata, addirittura Simona Ventura. Un programma intero, il programma più visto dell’intera stagione televisiva appena trascorsa, Vieni via con me, sbolognato come se fosse l’ultimo dei fondi di magazzino.
Su Michele Santoro si è scritto, si scrive e si scriverà, come sempre, tutto e il contrario di tutto. E forse anche per questo motivo ho poco da aggiungere se non il fatto che prima della degenerazione totale dell’ultimo anno di Silvio Berlusconi non lo seguivo più. Poi le sceneggiate del nostro premier mi hanno indotto, più per curiosità, a seguire quasi tutte le puntate dell’ultimo anno. Il bilancio a fine stagione, per quel che mi riguarda, è il seguente: tranne Vauro, esclusa qualche inutile e rancorosa vignetta, la trasmissione non mi è piaciuta. Un disco che ripropone sempre la stessa musica senza nessuna variazione sul tema. Meno spazio alla narrazione più spazio alla creazione di nuove icone televisive. Io avrei fatto esattamente il contrario. E comunque nessuna nuova idea. Il miglior Santoro è sempre quello che realizza speciali in cui non compare quasi mai in video. In questo senso è esemplare lo speciale andato in onda questa settimana sulla condizione dei pescatori in Italia. Quello si è stato un bell’esempio d’inchiesta, una denuncia di regole che non vengono rispettate, un approfondimento utile per comprendere. Una storia costruita con la storia di singole persone che tutte insieme restituiscono una visione collettiva del tema. Una bella pagina di giornalismo. Questo Santoro mancherà al servizio pubblico, quello di Anno zero no. Il secondo è identico a tanti altri anchorman e a tante trasmissioni che fanno della faziosità una bandiera, legittima, ma che poco hanno a che fare con un giornalismo che si propone di cercare le notizie, raccontare i fatti per poi analizzarli. Meglio la lunghissima messa laica che va in scena il lunedì da Gad Lerner, dove gli ospiti, mediamente più colti e raffinati di quelli di Santoro, riescono ad esprimere il loro pensiero senza per questo esser messi alla gogna mediatica.
Eccentrico appare il caso di Lucia Annunziata. La giornalista salernitana, conterranea di Santoro, già direttore del Tg3 e Presidente della Rai, nonché attivista di sinistra, consegna le sue dimissioni irrevocabili al Cda di Viale Mazzini e va via sbattendo la porta non prima di denunciare «metodi mafiosi» utilizzati nei suoi confronti. Al cambio, ormai imminente, dei padroni del vapore della politica, cambiano, di conseguenza, anche i riferimenti su cui puntare. Anche Massimo D’Alema appare sempre più in difficoltà nella gestione del potere, perché non dovrebbe valere lo stesso principio per l’Annunziata? In fondo tra le tante attività che esercita continuare a fare l’editorialista per La Stampa e il direttore responsabile di Aspenia, la rivista dell’Aspen Institute Italia, e francamente, non mi pare poca cosa.
La domanda delle cento pistole la riserverei dunque per il programma di Roberto Saviano e Fabio Fazio, Vieni via con me.
Perché regalare alla concorrenza un programma e un’idea che hanno avuto successo di pubblico e di critica senza precedenti, e soprattutto un grande successo economico per la Rai?
A questa domanda il Presidente della Rai deve dare una risposta a tutti noi che paghiamo il canone. Una risposta convincente altrimenti le dimissioni “irrevocabili” dovrebbe essere automatiche.
Infine che Simona Ventura lasci la Rai, il servizio pubblico televisivo nazionale, credo sia una delle poche, buone notizie degli ultimi anni e che per questo non abbia bisogno di ulteriori commenti.



29 novembre 2010

Perché Fabio Fazio e Roberto Saviano fanno "Grandi numeri"



La terza puntata di Vieni via con me è stata un trionfo senza precedenti per Rai Tre. Nove milioni e settecentomila telespettatori. 31.60% di share. Oltre 20 milioni di contatti.

I numeri non sono tutto è vero, ma spesso spiegano più di tante analisi. La terza puntata di Vieni via con me, il programma televisivo di Fabio Fazio e Roberto Saviano, è stata un trionfo. Un trionfo senza precedenti per Rai 3. Nove milioni e settecentomila telespettatori. 31.60% di share. Oltre 20 milioni di contatti.
Molti, soprattutto appartenenti al salotto ormai solo virtuale della sinistra, hanno criticato aspramente le prime due puntate del programma con giudizi che oscillavano tra il “banale” e “non santifichiamo Saviano”. Critiche che riflettono un pregiudizio che unifica l’Italia intera e mettono in rilievo una sua caratteristica comune a Milano come a Palermo: l’invidia.
Dopo la prima puntata, meno intensa e bella della seconda, a sua volta più bella e intensa della terza, ho salutato con soddisfazione il ritorno in televisione dell’impegno civile in un programma non necessariamente di nicchia. E quando Saviano ha affermato, davanti a milioni di italiani, che «È importante che ognuno faccia bene il proprio lavoro», cito a memoria, «per dare un contributo al cambiamento del nostro Paese», ho gioito. Penso anch’io la stessa cosa. Dirò di più. Credo che l’unica rivoluzione possibile sia oggi quella di fare bene il proprio lavoro.
Roberto Saviano è un narratore, un fine narratore. E vorrei qui ricordare le storie della seconda puntata. La prima riguardava la ‘Ndrangheta, la seconda la storia d’amore di Pier Giorgio Welby e di sua moglie Pina. Storie molto diverse ma ugualmente intense.
Nel primo caso, in maniera quasi didascalica, alla Giovanni Falcone per intenderci, ha spiegato al grande pubblico della televisione, ai ragazzi adolescenti e a tutti quelli distratti da nani, ballerine ed escort, com’è organizzata la ‘Ndrangheta, come vivono i suoi capi latitanti e soprattutto come e dove puliscono il denaro proveniente dalle azioni criminali.
Roberto Saviano è riuscito a inchiodare davanti ai teleschermi milioni di persone, con un numero sempre crescente di giovani (e di laureati), grazie alla sola forza della parola. E ha svolto una funzione maieutica. 
La seconda narrazione è stata una travolgente storia d’amore. L’incontro tra  Pier Giorgio Welby e Pina. Anche in questo caso Vieni via con me è riuscito a parlare a una platea ampissima di temi centrali della vita contemporanea, l’Eutanasia e il Testamento biologico, che pongono molti interrogativi e richiedono risposte certe.
E poi ancora Beppino Englaro, Antonio Albanese, Cristiano De Andrè, Silvio Orlando, e prima Roberto Benigni, Salvatore Accardo, Renzo Piano, Andrea Camilleri, e soprattutto le esecuzioni live della più bella canzone italiana di sempre, Vieni via con me di Paolo Conte. Come dimenticare Peppe Servillo degli Avion Travel che duetta con il fratello attore Toni e la performance di Luca Zingaretti?
Dopo il successo delle prime tre serate, Fabio Fazio, Roberto Saviano, Loris Mazzetti e tutti gli autori del programma possono ritenersi soddisfatti. Hanno mandato in onda il successo televisivo dell’anno, uno dei pochi programmi che non è un format, un prodotto preconfezionato altrove e distribuito da noi. Ed è incredibile che un narratore di storie come Saviano abbia dovuto aspettare tutto questo tempo per avere uno spazio tutto suo nella televisione pubblica. Questo è il vero scandalo.
Vieni via con me è  “la televisione” che vorrei vedere sempre. Dove va in onda un’altra Italia. Un’Italia che mi piace. Assai.


16 novembre 2010

Nove milioni e 31 mila telespettatori. 30.21% di share. Quasi 20 milioni di contatti.



I numeri non sono tutto è vero, ma spesso spiegano più di tante analisi. La seconda puntata di Vieni via con me, il programma televisivo di Fabio Fazio e Roberto Saviano, è stata un trionfo. Un trionfo senza precedenti per Rai 3. Nove milioni e 31 telespettatori. 30.21% di share. Quasi 20 milioni di contatti.
Molti, soprattutto appartenenti al salotto ormai solo virtuale della sinistra, hanno criticato aspramente la prima puntata del programma con giudizi che oscillavano tra il “banale” e non “santifichiamo” Saviano. Critiche che riflettono un pregiudizio che unifica il paese intero e mettono in rilievo una caratteristica del Bel Paese anch’essa comune a Milano e a Palermo: l’invidia.
Anche dopo la prima puntata, che è stata per me meno intensa e bella della seconda, ho salutato con soddisfazione il ritorno in televisione dell’impegno civile in un programma non necessariamente di nicchia. E quando Saviano ieri sera ha affermato che è importante che ognuno faccia bene il proprio lavoro, cito a memoria, per dare un contributo al cambiamento del nostro Paese, ho gioito. Penso anch’io la stessa cosa. Dirò di più. Credo che l’unica rivoluzione possibile sia oggi quella di fare bene il proprio lavoro.
Anche nella seconda puntata Roberto Saviano ha narrato due storie. La prima riguardava la ‘Ndrnagheta, la seconda la storia d’amore di Pier Giorgio Welby e di sua moglie Pina. Due storie molto diverse ma ugualmente intense.
Nel primo caso, in maniera quasi didascalica, alla Giovanni Falcone per intenderci, ha spiegato al grande pubblico della televisione, ai ragazzi adolescenti e a tutti quelli distratti da nani, ballerine e escort, come è organizzata la ‘Ndrangheta, come vivono i suoi capi latitanti e soprattutto come e dove puliscono il denaro proveniente dalle azioni criminali.
Roberto Saviano ha dimostrato ancora una volta di essere un grande narratore. Ha saputo incollare davanti ai teleschermi milioni di persone, con un numero sempre crescente di giovani, che avevano soltanto voglia di sapere. Ha svolto una funzione maieutica. 
La seconda narrazione è stata una travolgente storia d’amore. L’incontro tra  Pier Giorgio Welby e Pina. Anche in questo caso Vieni via con me è riuscita a parlare a una platea ampissima di uno dei temi centrali della vita contemporanea, un tema che pone molti interrogativi e richiede risposte certe.
E poi ancora Beppino Englaro, Gianfranco Fini e Pierluigi Bersani, Paolo Rossi, Antonio Albanese, Cristiano De Andrè, Silvio Orlando e soprattutto una vera e propria perla finale con l’esecuzione di Via con me da parte di Peppe Servillo degli Avion Travel in duo col fratello attore Toni.
Dopo il successo di ieri sera, Fabio Fazio, Roberto Saviano, Loris Mazzetti e tutti gli autori del programma possono ritenersi soddisfatti, hanno mandato in onda il successo televisivo dell’anno. Uno dei pochi programmi che non è un format, un prodotto preconfezionato altrove e distribuito da noi. Ed è incredibile che un narratore di storie come Saviano abbia dovuto aspettare tutto questo tempo per avere uno spazio suo nella televisione pubblica. Questo è il vero scandalo.
Ieri sera ho visto “la televisione” che vorrei vedere sempre. È andata in onda un’altra Italia. Un’Italia che a me piace.



26 marzo 2009

Il silenzio è colpevole






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fabio fazio che tempo che fa roberto saviano

permalink | inviato da oscarb il 26/3/2009 alle 22:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


22 febbraio 2009

Beppino Englaro e la libertà di pensiero e il rispetto

In seguito alla partecipazione di Beppino Englaro alla trasmissione di Fabio Fazio, Che tempo che fa, una voce, sulle altre, si è alzata per attaccare, e non è una novità, Fabio Fazio per l’invito fatto al papà di Eluana, invocando tra le altre cose la par condicio. Queste alcune delle dichiarazioni di Luca Volontè dell’Udc, il partito di Casini.
“Fabio Fazio partecipa attivamente, grazie allo spazio di Raitre e al canone pubblico, alla campagna pro eutanasia di Veronesi, Marino, Pannella etc…Non è accettabile che nel servizio pubblico ci sia una rete monocorde, come ai tempi della legge 40. Il nuovo cda ora intervenga, almeno ci sia par condicio…Ancora ieri sera Beppino Englaro ha tenuto un comizio come fosse eroico portare alla morte i propri figli. Fazio e Raitre facciano quel che desiderano ma venga abolito il canone.”
Io trovo queste dichiarazioni indecenti. Come indecente e strumentale è stato l’atteggiamento che ha avuto Berlusconi nelle ultime ore di vita di Eluana.
Per tornare invece al merito delle dichiarazioni di Volontè e in particolare alla sempre invocata par condicio, anche in questo caso mi pare che ancora una volta si superi il limite della decenza. Il sistema dell’informazione, nella quasi totalità per quanto riguarda la televisione e per una buona metà per quanto riguarda la carta stampata, è nelle mani del padrone delle ferriere, con giornalisti supini che cantano le lodi del capo e intrattenitori televisivi, che spesso si autodefiniscono artisti, che obnubilano i sensi e la mente dei cittadini italiani che si abbandonano davanti alle televisioni, come canta Vasco Rossi.
Governa un pensiero unico, che negli ultimi vent’anni ha cambiato i connotati di un intero Paese, e se c’è qualche piccola isola di non allineati, non mi pare il caso di menar il can per l’aia.
Piuttosto sono d’accordo con le parole che Roberto Saviano ha voluto dedicare dalla Spagna a Beppino e che vi ripropongo:
“Da Italiano sento solo la necessità di sperare che il mio paese chieda scusa a Beppino Englaro. Scusa perché si è dimostrato, agli occhi del mondo, un paese crudele, incapace di capire la sofferenza di un uomo e di una donna malata. Scusa perché si è messo a urlare, e accusare, facendo il tifo per una parte e per l'altra, senza che vi fossero parti da difendere…[continua]






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fabio fazio roberto saviano beppino englaro

permalink | inviato da oscarb il 22/2/2009 alle 19:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


13 gennaio 2009

È vero, è stato bello



Fabrizio 2009, condotto da Fabio Fazio e Dori Ghezzi trasmesso domenica sera da Rai3, è stato un grande successo di pubblico con oltre il 30% di ascolto.
Seguendo in tv Fabrizio 2009, speciale sul decennale della morte di Fabrizio De André, ho cantato, poi riso e infine ho pianto. E poi di nuovo cantato e pianto. Un pianto necessario, liberatorio come il canto del resto.
Sono passati dieci anni dall’11 gennaio 1999, il giorno in cui morì Fabrizio De Andrè, e continuo ad ascoltare le sue canzoni come se niente fosse successo. Non che abbia rimosso la sua morte ma è così bello e soprattutto contemporaneo il materiale che ha lasciato che al dolore si affianca la riconoscenza, al rimpianto la voglia di continuare a leggere e rileggere i suoi testi e ascoltare e riascoltare la sua musica.
Faber è stato tante cose, ma è stato prima di tutto un poeta. Mario Luzi considerava Fabrizio De Andrè un suo collega, un poeta appunto. Con il suo lavoro ha saputo dare alla coscienza collettiva un grado di consapevolezza nuovo. Le problematiche dell’uomo sono destinate a rimanere sempre le stesse e De Andrè ha saputo raccontarle con una poetica reale e molto concreta coniugata ad una dimensione letteraria alta. I poeti sono bravi soprattutto per la loro capacità di testimoniare al presente e questo Faber ha fatto.
Fabrizio De André era un anarchico nell’animo, nel cuore e nel corpo prim’ancora di esserlo coscientemente. E come un anarchico è sempre andato in direzione ostinata e contraria. Scoprire oggi quanto è amato e popolare, dal pubblico ma anche dagli addetti ai lavori e soprattutto dai suoi colleghi, mi fa guardare al presente e al futuro con più ottimismo.
Abito di fronte al mare e la strada parallela a quella di casa mia è Via Fabrizio De Andrè. Una strada che porta al mare, che finisce nel mare come la strada che gli hanno dedicato a Genova e che ha descritto molto bene Renzo Piano nell’anteprima del programma di domenica. Una Crêuza de mä, che è anche la canzone, per me, più bella di Fabrizio De Andrè.
Adesso non resta che andare a Genova a vedere la mostra e ringraziare Fabio Fazio e tutti gli autori del programma, Dori Ghezzi e la direzione di Rai3 per la bella serata che ci hanno regalato.


sfoglia     settembre        novembre
 

 rubriche

Diario
Le mie recensioni
Niente di personale
Dall'Italia
Politica
Dal Mondo
Cultura
Racconti
City Room
Bi-fronti
Le grandi mostre
Paz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

fabrizio de andré
italo calvino
pier paolo pasolini
wim wenders
pier vittorio tondelli
andrea pazienza
paul auster
nick hornby

aNobii_oscar
books brothers
la repubblica_bari
stilos
theorein

giovanni di iacovo
antonio gurrado
cristina mosca
adele parrillo
cristiana rumori
quasirete

peppino impastato
legambiente
wwf
emergency

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom