.
Annunci online

 
Diario
 


*****

*****


27 marzo 2010

Bi-fronti, Oscar Buonamano e Enzo Verrengia



Mine Vaganti, di Ferzan Ozpetek

Oscar. La scena finale di Mine Vaganti determina il giudizio complessivo sul film. La musica e il gran ballo sono, come spesso succede nei film, elementi catartici e valgono da soli il prezzo del biglietto. Lo stesso finale però non risponde alla domanda che lo spettatore si pone fin dalla prima scena. È questo un errore di scrittura da attribuire tutto a Ivan Cotroneo e Ferzan Ozpetek, così come totalmente gratuita e ininfluente è la scena in cui Riccardo Scamarcio balla, da solo, davanti allo specchio di casa.

Enzo. L’omosessualità sta al patriarcato meridionale come il sale a una ferita sanguinante. Un padre pugliese ha dichiarato: «È meglio avere una figlia zoccola che un figlio ricchione». Ozpetek non riesce a fare antropologia compiuta. Affida l’inaccettazione della diversità ad un padre retrivo e talmente congestionato da avere l’infarto. Fantastichini è dunque una caricatura. Scamarcio e Preziosi due icone ambivalenti che non estinguono la rispettiva mascolinità nella sfida interpretativa dei diversi.


sfoglia     febbraio        aprile
 

 rubriche

Diario
Le mie recensioni
Niente di personale
Dall'Italia
Politica
Dal Mondo
Cultura
Racconti
City Room
Bi-fronti
Le grandi mostre
Paz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

fabrizio de andré
italo calvino
pier paolo pasolini
wim wenders
pier vittorio tondelli
andrea pazienza
paul auster
nick hornby

aNobii_oscar
books brothers
la repubblica_bari
stilos
theorein

giovanni di iacovo
antonio gurrado
cristina mosca
adele parrillo
cristiana rumori
quasirete

peppino impastato
legambiente
wwf
emergency

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom