.
Annunci online

 
Diario
 


*****

*****


12 dicembre 2011

Claudio Magris: «Dal malore civile una nuova Europa»


Claudio Magris ricorda con affetto l’estate del 1955 quando con il suo amico abruzzese Giovanni Gabrielli, percorre a piedi l’Abruzzo. Il Gran Sasso, Campo Imperatore, Assergi, L’Aquila. E poi l’estate successiva alla scoperta della Montagna Madre, la Majella. Ma andiamo con ordine. Livelli di guardia (Garzanti, 208 pp, € 18,00) è l’ultimo libro di Claudio Magris, una raccolta di articoli pubblicati a partire dal 22 giugno 2006 e fino al 9 settembre 2011. Pensieri, note, riflessioni, che pur scaturendo da accadimenti del quotidiano mostrano di reggere il confronto con il tempo che passa e hanno un valore che va aldilà e oltre il tempo stesso in cui sono state concepite. L’alluvione di Genova di questi ultimi giorni dell’anno, testimonia infatti che in Italia il livello di guardia è stato ampiamente superato non solo nella vita sociale e civile. E le parole pronunciate da Claudio Magris, ospite in tv da Fabio Fazio, diventano anche per questo motivo una sintesi possibile ed estrema di questo suo lavoro: «Sono saltate le elementari regole di comportamento, è andata in crisi una virtù fondamentale: il rispetto». Ognuno di questi brevi saggi insegna sempre qualcosa di nuovo; citazioni, rimandi, affinità che emergono e si staccano dalla pagina per  trasformare brevi commenti in piccoli capolavori di filosofia, storia, costume. In queste pagine ci sono i capisaldi della cultura classica, i grandi autori della letteratura, i pensatori. Gli uomini che hanno costruito parola dopo parola, pensiero dopo pensiero, l’immaginario collettivo con il quale ci confrontiamo e  guardiamo il mondo. «Note civili», recita il sottotitolo, merce ormai rara, rarissima, nella società del consumo, fine a se stessa, che abitiamo. Tanti gli argomenti trattati, molti dei quali riguardano direttamente la vita nel nostro Paese, la nostra stessa convivenza civile. Fa ricorso a Jürgen Habermas, il filosofo più autorevole in Germania, per introdurre il tema di un nuovo patriottismo della Costituzione, destinato a diventare uno degli argomenti centrali del prossimo futuro. E come non pensare agli attacchi scriteriati e senza prospettiva che in questi ultimi anni forze politiche «estranee al travaglio che ha generato la nostra storia conflittuale ma comune» hanno sferrato, senza riuscirci per nostra fortuna, alla Carta Costituzionale? Magris guarda oltre il proprio piccolo recinto, in questo caso attinge alla cultura tedesca di cui è uno dei più apprezzati studiosi, e contribuisce alla ricerca di un’idea condivisa e universale di valori fondanti per una nuova società. Com’è per esempio per i temi eticamente sensibili. Il valore e il senso stesso della vita e della morte, prima di tutto.
Nel libro non è mai citato Silvio Berlusconi che con i suoi comportamenti, pubblici e privati, è però certamente uno dei grandi protagonisti di queste riflessioni. In questo senso illuminante è il capitolo “La rara arte di uscire di scena”. Qui Magris fa ricorso al padre della lingua italiana per esprimere al meglio il suo pensiero: «Il monito dantesco a saper “calar le vele e raccoglier le sarte” è assai poco ascoltato, particolarmente nel mondo della politica italiana, nel quale nessuno esce di scena, se non quando vi è proprio costretto a forza dalla comare secca».

In appendice a “Livelli di guardia” c’è il discorso che ha tenuto in occasione del conferimento del Friedensreis des Deutschen Buchandels, nella Paulskirche di Francoforte. Un discorso che in parte riassume molti dei temi di cui scrive nel libro. «Dell’universalità della guerra» e di come crediamo che essa sia inevitabile.
Volevo esprimere due pensieri che sono anche risvolti di una stessa medaglia e che mi stanno molto a cuore. Da un lato l’illusione che le guerre siano state già tutte superate. Un eccesso d’ingenuità perché sottovalutando un pericolo lo si rende ancora più forte. Non dimentico il discorso di un anziano leader nord-vietnamita che diceva «il pericolo per noi più insidioso è l’abitudine a considerare la guerra necessaria come la vita». In questo senso siamo tutti ciechi conservatori, abbiamo difficoltà a credere che le cose cambino. Anche quando è caduto il Muro di Berlino gli stessi tedeschi che lo stavano abbattendo non pensavano che tutto potesse finire in poco tempo. Due o tre giorni dopo il Muro non c’era più.

Lei vede l’Europa come una possibile ancora di salvezza a patto che l’Europa si apra alle culture dei nuovi europei.
Sono un patriota europeo nel senso che il mio sogno è un’Europa vero Stato federale. E lo sono per una ragione molto pratica, i problemi che abbiamo davanti a noi sono europei. Pensi all’immigrazione, è ridicolo avere leggi diverse in Europa così com’è ridicolo avere leggi diverse a Firenze o a Trieste. Una catastrofe che colpisce Milano investe anche Trieste. Basta con la febbre identitaria delle piccole patrie perché è soltanto una caricatura. Viviamo un momento di estrema debolezza dell’Europa, bisogna essere pessimisti con la ragione, come diceva Gramsci, ma ottimisti con la volontà.

Il valore della vita e il senso stesso della vita pervadono il suo ultimo lavoro. Non poteva non affrontare il tema della Shoà, perché «la Shoà è nel nostro DNA».
La Shoà è stato un fenomeno mostruoso e simbolo di un male assoluto. Bisogna capirne le ragioni storiche e sociali senza perder di vista il suo terribile primato nella sofferenza. La Shoà però non è l’unica barbarie della storia e non può farci dimenticare le altre angherie, il tremendo primato nella sofferenza non significa e non può significare monopolio della sofferenza.

Ha ottenuto tanti importanti riconoscimenti per il suo lavoro. Negli ultimi anni il suo nome è sempre tra i possibili vincitori del Nobel per la letteratura. Come vive questa condizione?
Non esistono candidati al premio Nobel, i nomi di cui si scrive e si parla sono semplicemente i nomi che i broker londinesi esibiscono per far crescere il mondo delle scommesse ed escludo nel modo più assoluto che tali nomi possano essere il risultato di indiscrezioni. L’Accademia svedese può giudicare bene o male ma escludo che faccia circolare nomi di presunti candidati. Riguarda me ma anche gli altri. In ogni caso qualunque riconoscimento lo si accetta sempre con piacere. Sono sempre dei doni.

Ha un buon rapporto con l’Abruzzo e gli abruzzesi?
Nel 1955 ho percorso a piedi l’Abruzzo con un mio amico che aveva delle prozie ad Ancarano, il professor Giovanni Gabrielli che incontro proprio stasera a Trieste per bere una birra in amicizia. Prima la “Montagna dei Fiori” dove abbiamo anche dormito con i pastori e quando attraversavamo i piccoli paesi dell’entroterra gli abitanti c’invitavano spesso a pranzo o a cena. Mi ricordo che in ogni piccolo paese la gente si chiedeva chi fossimo, e la risposta, che proveniva dai più informati, era sempre la stessa: sono tedeschi dell’Alta Italia. Gran belle passeggiate. Poi il Gran Sasso, Campo Imperatore, Assergi per finire a L’Aquila. L’anno successivo, nel 1956, la comitiva diventò più grande e il gruppo diventò di quattro persone. L’obiettivo da raggiungere era la Majella. Ricevemmo un’ospitalità meravigliosa dappertutto e in particolare a Guardiagrele. Sempre quell’anno a Lama dei Peligni ci spacciammo per speleologici triestini di una fantomatica e inesistente rivista, “Specus”. Ho perciò dei bellissimi ricordi legati all’Abruzzo.


3 ottobre 2011

Senza etica sociale non c'è più politica

L’appuntamento è alle 17.30 nella sede della Curia arcivescovile di Chieti. Arrivo in leggero anticipo e nell’attesa rileggo gli appunti che ho scritto per l’intervista. Non ho mai incontrato Monsignor Bruno Forte, ma ho letto alcune delle cose che ha scritto. Ciò che più mi colpisce è la sua capacità di parlare di Dio in modi diversi. Il vescovo è puntualissimo e alle 17.30 siamo seduti, uno di fronte all’altro, e già parliamo di bellezza. Dell’arte, della natura, dell’architettura. Delle chiese d’Abruzzo e degli eremi della Majella che, in qualche misura, così come ha mirabilmente scritto Ignazio Silone, definiscono l’identità stessa della nostra regione. «[…] la particolare vocazione ascetica del cristianesimo abruzzese […] divenne per molti cristiani la forma più accessibile di salvezza ed elevazione da una condizione umana sovente assai dura, servile e prossima alla disperazione». Del Monte Athos, una vera e propria repubblica autonoma in Macedonia, e dei suoi venti monasteri. E della sacralità della natura che questi territori, lontani eppure vicini, esprimono. La sensazione che avevo avuto leggendo gli scritti di Monsignor Bruno Forte è adesso una certezza: la costante ricerca di Dio gli consente di parlarne in tanti modi. In tanti modi diversi. E, soprattutto, è capace di farsi ascoltare.
Il suo ultimo libro, “Una teologia per la vita”, prossimamente in libreria, più che un punto di arrivo o una riflessione definitiva sul tema sembra concentrarsi sulla ricerca di Dio nel nostro tempo.
Quando ho iniziato a studiare teologia in vista del sacerdozio, mi sono profondamente appassionato a ciò che studiavo. Della teologia, come della filosofia, perché la filosofia è il coraggio dell’interrogazione radicale - e mi sembra chiaro che non ci sono risposte vere se non ci sono domande vere - e la teologia è il portare al pensiero la causa di Dio in questo mondo, di quel Dio Amore che Cristo ha rivelato. Se lei vuol dire che questo libro è l’espressione dell’impegno della mia vita intera di pastore e di teologo al servizio alla causa di Dio, e che dunque la mia vera grande domanda è la domanda su Dio, lei ha colto il cuore di quanto ho cercato di mettere in atto con la mia ricerca.
La ricerca di Dio nel nostro tempo presuppone la conoscenza del tempo e del mondo in cui viviamo. Lei ha viaggiato molto, sia per l’attività di teologo sia per l’attività pastorale. Ha “visto” da vicino cos’è la globalizzazione. Con un felice neologismo ha definito la Chiesa cattolica molto “glocal”.
Le fonti a cui ho cercato di attingere sono state l’esperienza dell’incontro con Dio nella vita spirituale e liturgica della Chiesa, a partire dai grandi testimoni della fede vissuta e pensata, e la vicinanza all’esperienza quotidiana degli uomini. Ho ricevuto e ricevo molti inviti a livello internazionale e perciò ho viaggiato molto al servizio della causa di Dio e dell’uomo. Il respiro della mondialità è fondamentale per chi come noi non vive più nel chiuso della cittadella fortificata, ma in quello che è il “villaggio globale”. Ciò che ho percepito è che una globalizzazione - e cioè la continua interconnessione dei processi, economici, sociali, culturali e umani del pianeta -, che prescinda dal rispetto delle identità locali diventa un fenomeno devastante sul piano della dignità delle persone e perfino anche dei risultati economici e politici. Il globale va correlato al locale (glo-cal).

La globalizzazione annulla le distanze e “normalizza” i processi. Rende tutto uguale. Si arriverà a una globalizzazione della solidarietà in relazione al patrimonio ambientale, culturale, economico e sociale?
L’esito non è scontato. Siamo in un “work in progress”. Ricordo che l’ossimoro di McLuhan “Villaggio globale”, coniato alla fine degli anni sessanta, rappresentò una sorta di formula magica. Parallelamente la diffusione del web, della rete, ha creato l’illusione che il mondo si possa realmente rimpicciolire. Da parte sua, la comunione della Chiesa cattolica, esperienza di globalizzazione ante litteram, ha sempre spinto verso un’attenzione al locale, specialmente col Concilio Vaticano II, ad esempio attraverso l’uso delle lingue parlate nella liturgia. La mia esperienza di vita mi fatto prendere coscienza del ruolo che la teologia, la filosofia, il pensiero etico, il pensiero spirituale, hanno nei confronti di ciò che sta avvenendo. La massificazione dei costumi, l’appiattimento delle differenze non è una soluzione. Il riavvicinamento delle distanze è prezioso, la comunicazione in tempo reale è fondamentale, la rete è inevitabile e non possiamo più farne a meno, ma non si possono cancellare le radici, spirituali, culturali, morali, dei popoli e delle persone. La grande sfida di oggi è tenere insieme queste due realtà.
In questa ottica assume perciò un valore sempre più significativo la testimonianza. Allargando lo sguardo oltre le religioni, quanto conta saper fare bene il proprio mestiere e testimoniare attraverso il proprio lavoro questioni di senso?
La testimonianza è un’identità forte tesa fra due alterità. Il testimone innanzitutto è il testimone di un Altro. La sua vita si misura non semplicemente su se stesso, ma su ciò che, come dice il Nuovo Testamento, ha udito dall’alto, di cui ha fatto esperienza, e che gli ha dato senso alla vita. Il testimone è innanzitutto testimone della verità, altrimenti non è un testimone, ma al più un affabulatore. La seconda alterità che definisce il testimone sono gli altri. La testimonianza si rende per amore. Per crescere insieme. Per condividere. Per camminare nella solidarietà. Perché il più debole si senta sostenuto. Si è testimoni  soltanto se si prende a cuore il destino dell’altro. Don Lorenzo Milani aveva scritto nell’aula in cui faceva lezione con i suoi ragazzi di Barbiana: “I care”. “Mi sta a cuore”. Questo è il motto fondamentale della nostra vita. Fra queste due alterità, l’alterità di Dio e della verità di cui si è testimoni, e l’alterità degli altri al cui servizio ci si pone, si costruisce la propria identità. Il testimone è perciò radicato in una profonda esperienza di ascolto. In termini religiosi, vive della dimensione contemplativa della vita. In termini di ricerca umana, si nutre di riflessione e di continuo confronto con l’alterità dell’altro. Nel teologo specialmente le due cose vanno inseparabilmente unite.
Per il pastore invece il compito principale è servire gli uomini e pregare per il popolo. Che cos’è la preghiera?
La preghiera è lo spazio vitale nel quale posso realizzare l’identità di testimone di cui parlavo prima. Nella preghiera sono inestricabilmente connessi due movimenti: l’ascolto e l’affidamento incondizionato a Dio e alla sua parola e l’aver cura degli altri. Quando prego, e ne ho tanto bisogno ogni giorno, s’incontrano nel mio cuore il Dio in cui credo e a cui ho dato la vita, e il popolo che cerco di servire e di amare. Da questo incontro scaturisce la luce per ciò che sono chiamato a fare e insieme il senso di profonda inadeguatezza che provo di fronte a ciò che bisognerebbe fare e che mi sembra di fare sempre troppo poco.
Zygmunt Bauman sostiene che «la globalizzazione ha tolto centralità alla politica, invece il mondo ha bisogno della politica e perciò bisogna restituirle la centralità perduta»? Qual è il suo parere?
Ciò è possibile solo se si restituisce un ruolo centrale all’etica personale e sociale. Senza un’etica sociale non c’è politica. E d’altra parte un’etica si costruisce nel gioco di due elementi, la “dimora”, e il “costume”, la radice e il comportamento. Perché ci sia etica, la prassi, con le sue scelte e la provvisorietà di ogni istante, dev’essere orientata all’interno di una dimora, di un orizzonte di senso senza il quale si gira a vuoto. Un’etica che non abbia a suo fondamento una visione del mondo e dei suoi riferimenti ultimi, e dunque la verità e il senso della vita, non è nemmeno un’etica. È possibile tornare alla centralità della politica se la politica vive di grosse tensioni etiche, se cioè la politica è praticata da uomini che agiscono nella quotidianità delle scelte sostenuti e illuminati da riferimenti forti che danno senso a queste scelte stesse. Se oggi non è più centrale la politica è perché nella vita politica non sembra più centrale l’etica personale e sociale.
Condivide quindi l’ammonimento del presidente della Cei, Angelo Bagnasco, ripreso in prima pagina anche dal New York Times.
In questi ultimi tempi sono stati diversi interventi di vescovi, e anche del Cardinal Bagnasco, presidente della Cei, su questo tema. Riguardo al “caso Ruby” resto convinto di quanto dichiarai allora: se tutto ciò fosse dimostrato si tratterebbe di una grave offesa alla dignità della persona umana. Un uomo di governo non può permettersi comportamenti simili e perciò il responsabile deve fare un passo indietro. Non diciamo queste cose perché chi ne è protagonista oggi è più debole. Le affermiamo perché sentiamo pericoli e problemi sempre maggiori e perché ciò che sta venendo fuori risulta intollerabile, al di là di ogni misura.
Qual è la sua idea sullo scandalo dei fondi per il sociale, 12 milioni di euro del ministro Giovanardi, che vede coinvolta la Fondazione “Abruzzo solidarietà e sviluppo” a cui faceva riferimento anche la Curia aquilana?
Non sono informato abbastanza sull’argomento. Ho però molta fiducia nella serietà morale di Mons. Molinari e di Mons. D’Ercole e su questo non ho nessun dubbio personale. Mi sembrano persone incapaci di tramare per fare del male ed è certamente gente che ama il proprio popolo. Capisco anche che nei veleni che stanno caratterizzando il processo della cosiddetta ricostruzione dell’Aquila, che tra l’altro è ancora molto parziale, chiunque intervenga possa essere visto in un fascio di luce negativo quasi che cerchi solo i propri interessi. Per quello che conosco, escludo che questi pastori abbiano potuto cercare interessi propri e indebiti. Mi sembra che la loro passione sia la passione per il bene della gente e anche la loro sofferenza sia la sofferenza per i ritardi e per gli errori commessi, per le scelte negative e sbagliate fatte in questo processo di ricostruzione.
La ricerca di Dio nel nostro tempo è più complicata o più semplice rispetto a quando ha iniziato il suo percorso di fede come sacerdote e come teologo?
Il bisogno di Dio, paradossalmente, è enormemente più grande oggi. Rispetto a una società come quella dei primi anni Sessanta, gli anni del Concilio Vaticano II, l’attuale società liquida, dove ci sono tante certezze in conflitto l’una con l’altra che alla fine non c’è ne nessuna, ha molto più bisogno di una stella che orienti il cammino, di un’ancora a cui affidare la barca che si agita sul mare del tempo. In un certo senso oggi siamo tutti più soli. La società in cui viviamo è spesso una folla di solitudini. Quando si è più soli, le cose di cui più si ha bisogno sono ponti di trascendenza che ci liberino dalla prigione della solitudine e che ci facciano incontrare con gli altri per costruire insieme un orizzonte, un porto sospirato verso cui approdare. Oggi Dio è più attuale che mai: veramente con Lui o senza di Lui cambia tutto!


sfoglia     novembre        gennaio
 

 rubriche

Diario
Le mie recensioni
Niente di personale
Dall'Italia
Politica
Dal Mondo
Cultura
Racconti
City Room
Bi-fronti
Le grandi mostre
Paz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

fabrizio de andré
italo calvino
pier paolo pasolini
wim wenders
pier vittorio tondelli
andrea pazienza
paul auster
nick hornby

aNobii_oscar
books brothers
la repubblica_bari
stilos
theorein

giovanni di iacovo
antonio gurrado
cristina mosca
adele parrillo
cristiana rumori
quasirete

peppino impastato
legambiente
wwf
emergency

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom