Blog: http://culturemetropolitane.ilcannocchiale.it

A Pà



“Si può passare da una realtà ad un sogno, ma non si può passare da un sogno ad un altro sogno”

“Dunque indegnità, disprezzo per i cittadini, manipolazione di denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con gli industriali, con i banchieri, connivenza con la mafia, alto tradimento in favore di una nazione straniera, collaborazione con la CIA, uso illecito di enti come il SID, responsabilità nelle stragi di Milano, Brescia, Bologna, distruzione paesaggistica e urbanistica dell’Italia, responsabilità della degradazione antropologica degli italiani, responsabilità della condizione, come si usa dire, paurosa delle scuole., degli ospedali, e di ogni opera pubblica primaria. Responsabilità nell’abbandono selvaggio delle campagne, responsabilità dell’esplosione selvaggia della cultura di massa e dei mass-media, responsabilità della stupidità delittuosa della televisione, responsabilità del decadimento della chiesa e infine, oltre a tutto il resto, magari anche distribuzione borbonica di cariche pubbliche.
Ecco l’elenco, l’elenco morale dei reati commessi da coloro che hanno governato l’Italia negli ultimi trent’anni, e specie negli ultimi dieci. Perché insisto sempre nel ripetere – specie negli ultimi dieci anni – perché è appunto negli ultimi dieci anni che un modo di governare non solo tipico ma direi naturale, di tutta la storia italiana dall’unità in poi, si è configurato come un reato o come una serie di reati.”

Pubblicato il 2/11/2008 alle 12.44 nella rubrica Cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web