Blog: http://culturemetropolitane.ilcannocchiale.it

niente di personale



L’uomo indecente
La battuta sui militari e le donne per rispondere a una domanda sugli stupri, “Impossibile prevenirli. Servirebbero tanti soldati quante belle donne” evidenzia una volta di più, se ce ne fosse ancora bisogno, che l’uomo, Silvio Berlusconi, è un uomo indecente oltre che ignorante. Del resto, si sa, non bastano i soldi a modificare una persona. Sono sempre di più le occasioni in cui pensando di fare una battuta scivola sulla classica buccia di banana. Il problema serio è che lui è convinto di aver fatto solo una battuta. Questo vale per gli stupri, come per le corna al ministro spagnolo piuttosto che la battuta al primo ministro norvegese o il cucù alla Merkel.

Antagonisti delle chiacchiere
Tanto tuonò che piovve si potrebbe dire e a Chianciano lo scorso fine settimana, Nichi Vendola, Franco Giordano, Gennaro Migliore e tanti altri militanti e dirigenti di Rifondazione Comunista lasciano il partino e si dirigono verso altre sponde. Il cantiere della sinistra per essere più precisi che prenderà forma a partire dalla fine di febbraio per avere la sua formalizzazione entro l’anno.
Si sa che quando c’è una scissione volano parole grosse e le accuse reciproche sono il pane quotidiano per molti giorni. Ma la definizione che Vendola ha dato di Ferrero & Company mi sembra una definizione “felice”: Antagonisti delle chiacchiere.
Nella sua semplicità esprime bene l’essenza di quel partito.

La première dame
Ieri sera ho seguito l’intervento di Carla Bruni da Fabio Fazio. L’ho fatto spinto dalla curiosità per le invettive nei suoi confronti proferite nei giorni scorsi da una presunta show girl italiana.
Non avevo mai ascoltato prima di ieri sera Carla Bruni e devo dire che, a differenza di come mi capita spesso ultimamente, non mi sono vergognato di essere italiano ieri sera.

Pubblicato il 26/1/2009 alle 10.12 nella rubrica Niente di personale.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web